Partinico: Tasi al 2 per mille, esplode caso politico

Aiello Filippo

Tasi al 2 per mille a Partinico ed esplode il caso politico. Dito puntato sul presidente del consiglio Filippo Aiello che ha deciso di sospendere autonomamente la seduta al momento dell’uscita dell’opposizione, evitando così che potesse cadere il numero legale.

Numeri che alla ripresa dei lavori, come per magia, sono stati ritrovati recuperando un consigliere di maggioranza. “Una decisione illegittima” tuona la minoranza; “Tutto regolare” invece replica il segretario generale del Comune Vincenzo Pioppo. Ma andiamo con ordine. La seduta di consiglio fila liscio sino alla presentazione degli emendamenti, 8 in tutto: “La manovra della giunta presentata al consiglio – afferma il consigliere di opposizione Gianluca Ricupati – non prevedeva un minimo di agevolazioni per le famiglie in una situazione di disagio”. “Abbiamo prospettato – sostiene il presidente del consiglio Filippo Aiello – che l’unica possibilità per inserire degli sgravi era quella di aumentare l’aliquota dal 2 al 2,5 per mille. Purtroppo, come ci è stato sottolineato dal ragioniere, non avevamo grandi spazi di manovra”. Proposta che le forze dei opposizione non hanno accettato: una volta ripresi i lavori tutti gli emendamenti sono stati bocciati e i consiglieri di minoranza hanno quindi deciso di alzarsi e abbandonare la seduta. Quindi si sarebbe dovuti andare verso il rinvio del consiglio, essendoci in aula soltanto 15 consiglieri di maggioranza. A questo punto Aiello ha deciso di sospendere i lavori: “Il presidente del consiglio si è letteralmente inventato una sospensione bloccando quindi l’iter per la votazione in corso che sarebbe saltata” accusa Ricupati. “La sospensione da me decisa – replica Aiello – era per evitare l’insorgere di accesi scontri e per mantenere l’ordine in aula, dopo quanto successo nella seduta precedente. Mi sono consultato con il segretario generale del Comune che ha garantito la legittimità del provvedimento”. Alla ripresa della seduta erano 16 i consiglieri presenti in aula e quindi si è votato il provvedimento, introducendo l’aliquota al 2 per mille che sarà applicata sulle prime case. Da questa manovra il Comune partinicese conta di recuperare un gettito di un milione e 150 mila euro.

Partinico: Tasi al 2 per mille, esplode caso politico ultima modifica: 2014-09-09T14:30:20+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *