Partinico
Comune evita default: salvati investimenti e contrattisti

PARTINICO. Default evitato. Il Comune di Partinico si salva dal crack finanziario, almeno per quanto concerne il bilancio del 2014.

Ieri la giunta guidata da sindaco Salvo Lo Biundo ha approvato una delibera nella quale si ratifica il rispetto del temuto Patto di stabilità, da cui dipendono trasferimenti statali e soprattutto una serie di limitazioni nell’operare all’interno della macchina burocratica. Con il rispetto del Patto si è riusciti a evitare conseguenze che potevano avere effetti disastrosi: “Visto che non è stato sforato si è evitato il default del Comune – afferma l’assessore al Bilancio Giovanni Pantaleo – e dunque possono essere garantiti i servizi essenziali. Un grandissimo risultato raggiunto dall’amministrazione grazie all’impegno di tutti i settori coordinati dal Settore Economico Finanziario”. Ad essere stati garantiti quindi i posti di lavoro nelle cooperative che gestiscono i servizi annessi per il funzionamento di asili nido e casa di riposo; si potrà anche garantire la prosecuzione del rapporto di lavoro con i contrattisti del Comune. Un impegno che più volte aveva pubblicamente preso l’assessore ai Servizi sociali Gianlivio Provenzano. Confermati quindi anche gli investimenti programmati per complessivi 600 mila euro: 114 mila per il cimitero, 75 mila per le manutenzioni straordinarie delle scuole, 40 mila euro per la pubblica illuminazione, 70 mila euro per la manutenzione straordinaria dello stadio comunale, altri 30 mila euro per la manutenzione delle strade comunali. “Alcuni di questi lavori programmati – precisa Pantaleo – partiranno tra alcuni mesi. Un ringraziamento importante va ai consiglieri di maggioranza che hanno creduto alla proposta e votato il bilancio di previsione 2014 contro gli scettici”.
NELLA FOTO DA SINISTRA PANTALEO, LO BIUNDO E PROVENZANO

Partinico
Comune evita default: salvati investimenti e contrattisti
ultima modifica: 2015-03-28T15:44:06+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.