I Verdi di Palermo donano al comune di Carini un roseto storico per ricordare la Baronessa Laura Lanza

castello

L’atto di morte di Laura Lanza e Lodovico Vernagallo, trascritto nei registri della Chiesa Madre di Carini, è datato 4 Dicembre 1563. Nessun funerale fu celebrato e la notizia della loro morte fu tenuta segreta . Solo la memoria del popolo, tramandata nei “cunti” dei cantastorie e ripresa da Salomone Marino, riporta la storia di Donna Laura Lanza Baronessa di Carini.
Con un nobile gesto, oggi l’Amministrazione Comunale di Carini e la Federazione Provinciale dei Verdi, vogliono donare nella ricorrenza della morte della Baronessa, un simbolo di riconoscimento per ricordare una donna che ha subito la vendetta ordita e realizzata per mire di potere ed invidia tra le nobili famiglie del tempo. Domani, sabato 12 dicembre, alle ore 10.00, presso il Castello di Carini, sarà impiantato un roseto storico, donato dalla Federazione Provinciale dei Verdi di Palermo all’Amministrazione Comunale di Carini, che ha deciso di affidarlo ai giovani alunni delle Scuole Elementari di Carini. Il roseto è composto da rose antiche italiane tra le quali le “damascene”, quelle delle ville imperiali romane oggi quasi scomparse, coltivate in un giovane vivaio romano, Rosso Tiziano. Il roseto vuole essere il simbolo dell’amore e della dedizione della popolazione Carinese, che vuole perpetrare la memoria della sua Baronessa, nel simbolo della rosa che più di ogni altro fiore è messaggio di amore, affidandolo ai giovani cittadini per custodire il giusto ricordo.

I Verdi di Palermo donano al comune di Carini un roseto storico per ricordare la Baronessa Laura Lanza ultima modifica: 2015-12-11T11:09:00+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *