Tagli al Comune di Giardinello, dichiarata riduzione della pianta organica

municipio giardinello

La scure dei tagli si abbatte sulla pianta organica del Comune di Giardinello. I commissari straordinari che guidano il municipio, Patrizia Di Dio, Catia Colautti e Giulia Rosa, hanno approvato tre distinti provvedimenti che riguardano la ricognizione del personale, l’approvazione del programma triennale del fabbisogno di personale e le eccedenze. In questo piano è stato deciso che la dotazione organica viene ridotta da 25 a 21 unità.

Il bicchiere però può anche essere visto mezzo pieno: infatti non si tratta di esuberi, cosa che avrebbe determinato la mobilità di chi non rientra nel piano assunzioni. In pratica il personale rimasto fuori dalla dotazione organica viene “rimesso nella disponibilità” della Regione.

Ad oggi per queste unità c’è comunque un’enorme incognita chiamata Resais: il governo regionale vuole infatti far confluire i precari “in esubero” nel calderone di questa società partecipata ma non ci sono ancora le idee chiare su quel che faranno. Intanto con questa manovra il Comune potrà risparmiare oltre 100 mila euro l’anno: infatti la spesa annua del personale passerà dagli attuali 469 mila euro ai 363 mila.

Un primo mattone verso quel risanamento che da lunghissimo tempo chiede la Corte dei conti al municipio giardinellese. Ogni anno infatti ai rendiconti approvati dalle amministrazioni che si sono succedute è stata sempre indicata come criticità l’enorme spesa corrente, per un Comune come quello di Giardinello, su cui pesa quasi esclusivamente per l’appunto il costo del personale.

I commissari hanno approvato questa rideterminazione della pianta organica sulla base della proposta del responsabile del settore Amministrativo e Servizi alla Persona Giuseppe Polizzi con parere di regolarità contabile dato dal responsabile del Settore Economico-finanziario Gianluca Coraci. Inoltre la delibera prevede la stabilizzazione di due lavoratori precari nella categoria B e a 18 ore settimanali.

Saranno destinati a ricoprire un posto all’ufficio tecnico e uno alla ragioneria. Il programma di fuoriuscita approvato permetterà inoltre agli altri 22 precari di rimanere in servizio per tutto il 2016. Da questa base è nata la ricognizione della pianta organica dove restano vacanti complessivamente 10 posti, anche se due di essi, e cioè quelli di responsabile dell’ufficio Tecnico e dell’ufficio Finanziario, entrambi di categoria D, sono già occupati dagli attuali dirigenti di settore provenienti da altri Comuni.

Restano, dunque, otto posti da ricoprire: 4 nel settore amministrativo, 2 in quello finanziario e 2 in quello tecnico. Attualmente sono 11 i dipendenti di ruolo a tempo pieno e 24 quelli con un contratto a tempo determinato, in scadenza il 31 dicembre di quest’anno. Altre dieci unità appartengono alla categoria degli Asu.

Tagli al Comune di Giardinello, dichiarata riduzione della pianta organica ultima modifica: 2016-10-01T08:25:24+00:00 da Michele Giuliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *