Aggressione ad infermiere alcamese a Partinico, arresto convalidato per Giambrone

Giambrone David

Arresto convalidato e misura dei domiciliari per David Giambrone (nella foto), 36 anni di Borgetto. A disporlo l’autorità giudiziaria dopo il rito per direttissima a cui si è sottoposto il 36enne protagonista della violenta aggressione sabato notte ai danni di un infermiere di Alcamo di 46 anni in servizio al pronto soccorso dell’ospedale di Partinico.

Intanto continua ad alimentarsi il dibattito dopo quanto accaduto e oggi ad intervenire è stata l’Ipasvi di Trapani, la Federazione dei Collegi degli infermieri, che chiede con forza il rafforzamento delle misure di sicurezza nei presidi sanitari: “Crediamo che per il collega assalito, al quale auguriamo una pronta guarigione, – commenta il vice coordinatore dell’Ipasvi Sicilia, Filippo Impellizzeri – possano ipotizzarsi nuove soluzioni al fine di ritrovare serenità sul posto di lavoro. Il nostro organismo si riserva, dopo aver sentito il diretto interessato, vittima di tale inaudita violenza, di intraprendere ogni utile iniziativa a salvaguardia della dignità ed onorabilità della professione infermieristica”.

Le lesioni all’infermiere sono state causate da una scarica di pugni che Giambrone gli ha riservato. Secondo una prima ricostruzione dei fatti il 36enne si è recato in ospedale accusando problemi cardiologici. Dopo gli esami di routine, che hanno escluso patologie, Giambrone è stato invitato ad aspettare il tempo necessario a ripetere gli esami, così come previsto dai protocolli.

Approfittando della momentanea assenza del personale di vigilanza, impegnato nella sala rossa del triage, ha aggredito con inaudita violenza l’infermiere colpendolo ripetutamente al volto. Solo l’intervento dei colleghi e del personale di vigilanza ha messo fine alla brutale aggressione. L’infermiere ha riportato la rottura dell’osso temporale e la frattura scomposta dello zigomo.

Aggressione ad infermiere alcamese a Partinico, arresto convalidato per Giambrone ultima modifica: 2016-11-29T17:38:20+00:00 da Michele Giuliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *