Incontro con l’autore, gli studenti dell’Archimede di Partinico incontrano Alessandro Chiolo e Tina Montinaro

libro

Capire cos’è la mafia, per sapere quello che è successo il 23 maggio 1992, quando 5 quintali di tritolo, piazzati sotto l’autostrada all’altezza dello svincolo di Capaci, fecero saltare l’auto della scorta e uccisero il giudice Giovanni Falcone. Questo è l’obiettivo dell’iniziativa organizzata dall’Istituto comprensivo Archimede – La Fata di Partinico nell’ambito del progetto “Incontri con l’autore”. Questa mattina i ragazzi hanno partecipato alla presentazione del libro del giornalista Alessandro Chiolo “Nome in codice: Quarto Savona 15, Km. 100287 e oltre…”. Presente all’incontro Tina Montinaro (presidente dell’associazione Quarto Savona 15). Il libro di Chiolo – sulla strage di Capaci, è incentrato sul tema della legalità e della lotta alla criminalità organizzata – racconta la storia di un viaggio: quello della croma blindata apripista del caposcorta del giudice Falcone, che il 23 maggio del 1992, colpita in pieno dalla deflagrazione di 600kg di tritolo, fu ritrovata nel tardo pomeriggio di quel giorno, distrutta, in un uliveto a diverse centinaia di metri di distanza dal luogo dell’attentato. La storia di questo viaggio è la storia di un percorso che non finisce sotto il tritolo di quel giorno ma che continua ancora oggi e permette a quell’auto di percorrere ulteriori chilometri. Il libro racconta la storia di chi viaggiava su quell’auto, Antonio Montinaro e i ragazzi della “Quarto Savona 15” (nome in codice della scorta), la storia della famiglia di Montinaro e di sua moglie, Tina Montinaro vera artefice di un viaggio che ancora continua.
Di seguito le interviste con Agata Brigati insegnante dell’Archimede, Alessandro Chiolo giornalista e Tina Montinaro

Incontro con l’autore, gli studenti dell’Archimede di Partinico incontrano Alessandro Chiolo e Tina Montinaro ultima modifica: 2017-02-11T13:01:33+00:00 da Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *