Ospedale di Partinico, si salva la Pediatria: resta l’unità complessa, ok dell’Asp e dei sindaci

Ingresso ospedale Partinico

Il reparto di Pediatria dell’ospedale Civico di Partinico non sarà depotenziato. Resta unità operativa complessa e non si materializzerà più il declassamento ad unità semplice che avrebbe comportato la perdita del primario e di altre unità in pianta organica tra personale medico e paramedico, cosa che avrebbero ridotta la struttura a poco più che un ambulatorio.

Dopo un lungo vertice tra il comitato dei sindaci della provincia di Palermo e l’Asp 6, è stato deciso di mantenere il reparto come unità complessa. Tutto messo nero su bianco in un’apposita delibera che è stata sottoscritta dal direttore generale dell’azienda sanitaria, Antonio Candela, e ratificata all’unanimità dal comitato dei sindaci: “La richiesta unanime di tutti i sindaci, specie quelli dell’area costiera e dell’hinterland partinicese, – afferma l’assessore alla Sanità del Comune di Partinico, Gianlivio Provenzano – è stata di mantenere questo reparto che è essenziale per il territorio”.

L’operazione è stata possibile nonostante ci fosse un ben preciso piano di razionalizzazione della rete ospedaliera in Sicilia varato dalla Regione che per l’appunto prevedeva per la Pediatria di Partinico questo declassamento a unità semplice: “Il direttore generale dell’Asp, sfruttando la norma vigente in materia, – spiega Provenzano – ha potuto mantenere l’unità complessa in quanto non ha alterato la spesa dell’azienda sanitaria”.

Ad essere nel contempo confermati anche gli aspetti positivi del piano di razionalizzazione che prevedevano per l’ospedale di Partinico anche due reparti promossi: il pronto soccorso e il reparto di Malattie metaboliche, entrambi elevati a unità complesse. Le luci della sanità partinicese sono rappresentate dalla notizia che l’ospedale Civico è confermato presidio di base, anche a fronte del suo bacino di utenza che oramai è stimato attorno ai 200 mila abitanti, mantenendo di diritto pronto soccorso e i reparti di Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia, Anestesia e servizi di supporto in rete di guardia attiva e in regime di pronta disponibilità sulle 24 ore di Radiologia, Laboratorio ed Emoteca.

Inoltre arrivano anche più posti letto: per l’esattezza 30 in più, di cui soltanto 18 per la riabilitazione. L’istituzione dell’unità complessa comporta un potenziamento e la nomina di un direttore a cui compete la responsabilità di gestione delle risorse umane, tecniche e finanziarie necessarie. Notizie positive che fanno il paio con il recente investimento da 2 milioni e mezzo di euro da parte dell’Asp di Palermo, lavori che in parte sono stati completati ed altri sono ancora in corso.

Ospedale di Partinico, si salva la Pediatria: resta l’unità complessa, ok dell’Asp e dei sindaci ultima modifica: 2017-04-27T07:01:40+00:00 da Michele Giuliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.