Morte misteriosa di un giovane a Montelepre, slitta la sentenza: aspetti da chiarire

Maiorana Angelo

Si dovrà attendere ancora qualche mese per il pronunciamento del tribunale di Palermo sul caso del giovanissimo Angelo Maiorana (nella foto), il manovale di 20 anni morto in circostanze ancora non chiarite all’interno di un’attività commerciale a Montelepre dove stava effettuando dei lavori edili.

Un caso che ha fatto scalpore perchè inizialmente si era pensato ad una morte naturale per arresto cardiocircolatorio, poi la Procura ha riaperto il caso sospettando invece che il ragazzo morì a causa di un incidente accaduto all’interno del negozio dove si scoprì che vi era un allaccio abusivo alla rete elettrica secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia. La perizia, prodotta dal consulente che difende la famiglia di Angelo al processo, riporterebbe che la causa della morte è avvenuta per folgorazione.

Per questo motivo sono imputati, avvalendosi del rito abbreviato, i due titolari della ditta edile per la quale lavorava il ventenne con l’accusa di omicidio colposo. Ieri era attesa la sentenza ma il Gup Marco Gaeta ha emesso un’ordinanza con la quale ha disposto l’audizione il prossimo luglio del medico legale che eseguì l’esame autoptico sul corpo del ragazzo che venne riesumato in seguito alla riapertura del caso.

Questo significa che ancora alcuni aspetti dovranno essere del tutto chiariti.

Morte misteriosa di un giovane a Montelepre, slitta la sentenza: aspetti da chiarire ultima modifica: 2017-05-11T08:38:03+00:00 da Michele Giuliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *