Partinico, sequestrata villa al pregiudicato Gaspare Mattina

MATTINA-Gaspare

Sequestrata una lussuosa villa nel territorio di Partinico. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Palermo – Sezione Misure di Prevenzione, accogliendo le proposte avanzate dalla locale Procura, nei confronti di Gaspare Mattina, 40enne di Partinico, sorvegliato speciale della P.S. con obbligo di soggiorno. Mattina nel 2007 veniva già sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale in relazione a segnalazioni di reato connesse alla spaccio di sostanze stupefacenti e ad una condanna per violenza sessuale. Lo stesso, inoltre, a maggio del 2014, veniva arrestato in flagranza in quanto rinvenuto in possesso di un’arma con matricola abrasa e del relativo munizionamento; per tale reato veniva sottoposto alla misura degli arresti domiciliari fino al dicembre 2015 e riportava una condanna irrevocabile alla pena di anni due di reclusione. Le indagini patrimoniali svolte dai poliziotti dell’Ufficio Misure di Prevenzione Patrimoniali della Divisione Anticrimine su delega della Sezione Misure di Prevenzione della Procura della Repubblica su Gaspare Mattina e sul suo nucleo familiare convivente permettevano di appurare una dimensione reddituale irrisoria, fortemente squilibrata rispetto agli investimenti immobiliari effettuati dal soggetto investigato e dai suoi familiari, relativi alla costruzione di una lussuosa villa. L’acquisto dell’immobile sequestrato, indirettamente riconducibile al partinicese, in quanto formalmente di proprietà della sorella convivente di Gaspare Mattina, appariva non giustificato data l’accertata esiguità dei redditi dichiarati, incompatibili con tale investimento e incapaci di garantire anche il sostentamento familiare. L’investimento patrimoniale appariva quindi in netto contrasto con le scarse consistenze patrimoniali dichiarate, giustificabili solo attraverso lo sfruttamento di risorse illecitamente accumulate da Gaspare Mattina.

Partinico, sequestrata villa al pregiudicato Gaspare Mattina ultima modifica: 2017-06-10T12:59:09+00:00 da Redazione

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *